Posts Tagged: previdenza
RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE: PROCESSI PIU’ RAPIDI?

La riforma del processo civile cerca di rendere i processi più rapidi snellendo primo e secondo grado  e cerca di dare maggiore rilievo alla negoziazione. In che modo si cerca di realizzare ciò? Per snellire e velocizzare il processo civile  la riforma introduce un rito semplificato in materia civile e[…]

Read More
CORONAVIRUS: NUOVE FORME DI LAVORO

Cosa prevedono le norme dello smart working? Quali sono i vantaggi per le imprese e per i lavoratori? Modello nuovo o già esistente prima dell’emergenza sanitaria? Lo smart working è una forma di lavoro c.d. agile che esisteva nella nostra nazione ancor prima della crisi sanitaria del coronavirus,[…]

Read More
ECCO COME SI STA ORGANIZZANDO IL NOSTRO STUDIO LEGALE

LA SALUTE E LA SICUREZZA AL 1^ POSTO Working in progress. MISURE DI SICUREZZA PER IL TEAM DELLO STUDIO E PER I CLIENTI VISITATORI. Un ringraziamento alla ditta Q&B grafiche di Mestrino (Prov. Padova) per la fornitura dei primi DPI al nostro Studio: in particolare per il parafiato mobile[…]

Read More
Prestazione revocata dall’INPS? Il rimedio è il ricorso legale

STUDIO LEGALE DIBITONTO Avverso il verbale negativo di revisione sanitaria è possibile proporre ricorso giudiziario nei termini di legge e non è richiesta una nuova domanda (Cassazione, sentenza n° 28445/2019) ————— Per l’INPS, sulla base di un presunto “consolidato” orientamento giurisprudenziale, quando un cittadino intenda ottenere il ripristino di[…]

Read More
ILLEGITTIMI GLI INDEBITI PREVIDENZIALI INPS A DETERMINATE CONDIZIONI

  Il cittadino non è tenuto a restituire somme che l’Inps ritiene aver corrisposto indebitamente se •il pagamento è avvenuto sulla base di un provvedimento definitivo, •manca il dolo dell’interessato, •il pensionato ha segnalato in maniera corretta e completa tutti i fatti incidenti sul diritto o sulla misura[…]

Read More
Non è più obbligatorio indicare il valore della controversia previdenziale/assistenziale nel ricorso legale

La Consulta ha decapitato l’art. 152 disp. att. cod. proc. civ., ultimo periodo, il quale prevede che «A tale fine la parte ricorrente, a pena di inammissibilità di ricorso, formula apposita dichiarazione del valore della prestazione dedotta in giudizio, quantificandone l’importo nelle conclusioni dell’atto introduttivo». Per la Corte[…]

Read More